arte · fotografie · spunti & eventi · viaggi

Arte del trecento a Siena

Siena rappresenta un unicum nella storia dell’arte, per il suo essere città di una sola epoca e di un solo passato, compattamente trecentesca, sviluppata su tre colli e racchiusa dalla cerchia delle sue mura (sito istituzionale).

Dopo aver studiato, durante il corso di storia dell’arte dell’AAB, il ciclo di affreschi “Allegorie del Buono e Cattivo Governo e dei loro Effetti in Città e in Campagna” di Ambrogio Lorenzetti e gli affreschi “Maestà” e “Assedio del castello di Montemassi da parte di Guidoriccio da Fogliano” di Simone Martini, custoditi nel Palazzo Pubblico di Siena, non abbiamo resistito al desiderio di vederli dal vivo!

Venerdì 24 settembre siamo partiti alla volta di Siena, dirigendoci (A4) verso Verona, proseguendo poi (A22) per Modena, e quindi (A1) per Firenze, dove ci immettiamo sul raccordo Firenze-Siena. Andiamo direttamente al Bed & Breckfast Gli Archi, che ci ospiterà per due notti, per scaricare i bagagli: molto carino e accogliente, e le gestrici sono molto gentili ed ospitali.

24.09.2010: Il Duomo e il Terzo di Città

Ci dirigiamo immediatamente in centro, non prima di aver comprato per il pranzo due bei panoni imbottiti di finocchiona, una scatola di ricciarelli e un panpepato, che mangiamo in Piazza del Campo (a rischio di multa!).

Iniziamo la visita dalla Cattedrale di S. Maria Assunta, Duomo della città, di aspetto romanico-gotico, tra le più riuscite creazioni dell’architettura medievale italiana. Ammiriamo il pavimento a commessi marmorei, opera unica nella storia dell’arte e che, per esigenze di conservazione, è completamente visibile solo in occasioni di festività solenni, come accade proprio in questi giorni!

Incontriamo il Pergamo marmoreo di Nicola Pisano, pietra miliare della scultura gotica italiana. Ci spostiamo quindi nella Libreria Piccolomini, con il ciclo di affreschi “Scene della vita di Pio II” del Pinturicchio.
Visitiamo infine il Battistero di S. Giovanni, proprio sotto il Duomo, con Fonte Battesimale progettata da Jacopo della Quercia, ornata da bassorilievi in bronzo di Jacopo della Quercia, Donatello e Lorenzo Ghiberti.

Conclusa la visita del Duomo, ci dirigiamo al vicino Museo dell’Opera metropolitana, con capolavori di Duccio di Buoninsegna (Maestà), Pietro Lorenzetti (Natività della Vergine), Jacopo della Quercia (“Lunetta Casini“), Donatello (Madonna del Perdono).

Siamo stanchi, è tardi, comincia anche a piovere, e allora andiamo a cena alla Trattoria Fonte Giusta, consigliataci dalle gestrici del B&B: ottima scelta!

25.09.2010: Il Campo e il Terzo di S. Martino


Il mattino di domenica si presenta luminoso e solare: ci dirigiamo subito in Piazza del Campo, dall’originale forma a conchiglia, essenza dell’armonia urbanistica medievale. Su di essa prospettano palazzi, non tutti antichi, la facciata del Palazzo Pubblico e lo slanciato profilo della Torre del Mangia. Di fronte la Fonte Gaia, opera di Jacopo della Quercia.

Non resistiamo alla tentazione di salire la Torre del Mangia, che dall’alto dei suoi 102 metri domina la piazza e consente una meravigliosa vista sulla città e sulla campagna circostante.

E finalmente accediamo al Palazzo Pubblico, dove è ospitato il Museo Civico. Entriamo nella Sala del Mappamondo e l’emozione è forte, ammirando gli affreschi “Maestà” e “Assedio del castello di Montemassi da parte di Guidoriccio da Fogliano” di Simone Martini.

Ma ancora più forte è l’emozione quando entriamo nella Sala della Pace o dei Nove, e ci troviamo di fronte il ciclo di affreschi “Allegorie del Buono e Cattivo Governo e dei loro Effetti in Città e in Campagna” di Ambrogio Lorenzetti.


E’ tardo pomeriggio quando ci dirigiamo verso Palazzo Piccolomini, per visitare il Museo dell’Archivio di Stato con la Collezione delle Biccherne.

A cena decidiamo di tornare alla Trattoria Fonte Giusta, senza pentircene 😉

26.09.2010: Il Terzo di Camollia e S. Domenico

Ci svegliamo, gigioneggiamo un po’ attorno agli archi che danno il nome all’agriturismo, e andando verso Siena si presenta lo spettacolo della campagna senese, con la città sullo sfondo, sotto un cielo per metà sereno e per metà nuvoloso.

Visitiamo la Basilica di S. Francesco, di origine trecentesca, con sobrio interno a campata unica, dove sono ospitati gli affreschi “Martirio di Francescani ” e “Ludovico d’Angiò davanti a Bonifacio VIII” di Ambrogio Lorenzetti, e “Crocifissione” del fratello Pietro Lorenzetti.

Visitiamo l’adiacente Oratorio di S. Bernardino, eretto nel ‘400 nel luogo dove Bernardino da Siena era solito predicare.

Andiamo poi al Santuario della Casa di S. Caterina, sorto intorno all’abitazione natale di Caterina Benincasa. Non lontano si trova la Fonte Branda, la più antica e nota delle fontane senesi, dominata dalla sovrastante mole di S. Domenico.

Il panoramico vicolo di Camporegio, a scalinata, consente di salire alla Basilica di S. Domenico, imponente basilica d’impronta gotica in laterizi, eretta dai Domenicani tra il 1226 e il 1265, con begli affreschi del Sodoma a decorare la Cappella di S. Caterina.

L’ultima tappa è per … il Consorzio Agrario, dove facciamo man bassa di panpepato, ricciarelli, pici, ragù di cinghiale, e altre prelibatezze :mrgreen:

Ci mettiamo in auto, per raggiungere la vicina Monteriggioni, piccolo borgo cinto da mura che si erge nel dolce paesaggio senese, cantato anche da Dante:

    Però che, come in su la cerchia tonda
    Monteriggion di torri si corona

    (Inferno canto XXXI, vv. 40-41)

Ma ormai è ora di tornare: verso le 17:30 ripartiamo alla volta di Brescia, che raggiungiamo in serata.

Le fotografie della visita sono raccolte nel:

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...