arte · brescia

Consiglio direttivo AAB sulle dimissioni di Vasco Frati

AAB Associazione Artisti Bresciani – Comunicato stampa

Lunedì 3 settembre 2012 si è riunito nella sede di vicolo delle Stelle il consiglio direttivo dell’Associazione Artisti Bresciani. Il consiglio ha discusso e riconfermato l’attività dei prossimi mesi, in particolare le importanti mostre dedicate alla Pop Art italiana e a Gian Battista Barbieri (1858-1926), ma soprattutto ha avviato un lungo dibattito sulle condizioni finanziarie dell’Associazione, a seguito della gravità delle quali il presidente Vasco Frati ha rassegnato dimissioni irrevocabili.

Frati, non presente alla riunione, aveva dichiarato in una lettera di “ritenere indispensabile una presidenza in grado di affrontare con decisione il problema del reperimento delle risorse e dei finanziamenti necessari per la sopravvivenza dell’Associazione.”

Il consiglio ha preso atto che il Comune ha deliberato di ridurre a zero il contributo all’Associazione per l’esercizio 2012 e che l’Amministrazione provinciale non prevede al momento alcuno stanziamento e comprende pertanto le ragioni che hanno spinto il presidente alle dimissioni. All’unanimità tuttavia il consiglio ha respinto le dimissioni del professor Frati pregandolo di un ripensamento anche se, nel frattempo e nell’attesa di una definizione complessiva della vicenda la cui parola ultima sarà affidata all’assemblea dei soci, è stato nominato un “comitato di reggenza” composto da Roberto Mazzoncini (già presidente del Tribunale di Brescia), Tino Bino, Giuseppe Gallizioli, Sandro Mossi, Luciano Salodini e Andrea Mazzolini.

Il comitato avrà il compito di assolvere le funzioni ordinarie amministrative e di organizzazione culturale e soprattutto di valutare se esistono fonti in grado di garantire le risorse per svolgere l’attività programmata fino alla fine dell’anno, attività per la quale l’Associazione ha necessità di reperire almeno 70 mila euro di incassi. Se entro fine dell’anno non vi saranno varchi di uscita da questa condizione e non saranno trovate garanzie di impegno per il 2013, l’AAB, dopo quasi 70 anni di vita, sarà costretta a cessare ogni attività (mostre, corsi d’arte, dibattiti, cataloghi, pubblicazioni eccetera).

Vasco Frati ha ricoperto la carica di presidente ininterrottamente e con passione dal 1993. In questi vent’anni ha rilanciato il ruolo culturale e istituzionale della AAB, ne ha riqualificato i programmi espositivi e l’attività editoriale, ha consolidato i rapporti con gli enti pubblici e la collaborazione con i Civici Musei e le altre istituzioni culturali della città, qualificando la AAB come un’agenzia di pubblico servizio e come punto di riferimento essenziale nel campo della cultura e delle arti figurative di città e provincia. Il consiglio ha espresso gratitudine al presidente Frati per questo lavoro nella speranza che possa rivedere la sua posizione e tornare a guidare con prestigio l’Associazione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...