fotografie · montagne

Punta Giordani con sci e ciaspole

Da qualche tempo ci stuzzicava l’idea di affrontare un 4.000 in condizioni “invernali”, con sci e ciaspole fin dove possibile concludendo la salita in cordata con piccozza e ramponi.

Sabato 2 maggio 2015 si è presentata l’occasione: una finestra di UN solo giorno di bel tempo, e gli impianti di Gressoney aperti gratuitamente in concomitanza con il Trofeo Mezzalama.

Con un gruppetto di amici del del CAI di Manerbio (Daniela, Giacomo “G2”, Gianni “Nani”, Luisella, Marco, Maria Teresa, Mauro e il sottoscritto) abbiamo “sferrato l’attacco” (si fa per dire 😉 ) a Punta Giordani, una cima nel Massiccio del Monte Rosa.

Partiamo da Brescia verso le 4:30 ( 😯 ) e per le 7:15 siamo a Staffal frazione di Gressoney (1.830m), punto di partenza della nostra escursione.

Viaggio: Brescia (BS) – Stafal di Gressoney (AO)
Itinerario: Brescia, [A4] Bivio A4/A5, [A5] Pont Saint-Martin, [SS505] Stafal
Mappa:
Tipologia: Automobile su autostrada e strada statale (32€ carburante, 22€ pedaggio)
Sviluppo: 261 km Tempo mov.: 3:15 h
Orario inizio: 02/05/2015; 04:30 Orario fine: 02/05/2015; 07:15

Per le 7:45, carichi come muli (sci/ciaspole, ramponi, piccozza, imbrago, cordini e moschettoni, chiodo da ghiaccio, corda, arva, pala, sonda!), siamo pronti per partire: un primo impianto in due tronconi ci porta da Staffal (1.830m) al Passo dei Salati (2.980m); un secondo impianto ci lascia a Punta Indren (3.275m).

Alle 8:50 finalmente ci mettiamo in marcia: una breve discesa ci avvicina al Ghiacciaio di Indren, naturalmente non visibile essendo abbondantemente coperto di neve; di fronte a noi si stende il ghiacciaio sovrastato dalla Piramide Vincent con alla sua desta, separata da una cresta, la nostra meta.

Qui ci dividiamo: Luisella e Maria Teresa con le ciaspole si dirigono verso il Rifugio città di Mantova e la Capanna Gnifetti, mentre noi sei, metà con gli sci e metà con le ciaspole, iniziamo la salita verso la cima.

Ci teniamo alla nostra destra, avvicinandoci progressivamente al filo di cresta, fino ad una selletta a quota 3.680m, dove facciamo una prima pausa verso le 10:05.

Per le 10:30 ci rimettiamo in marcia fino ad una seconda selletta a quota 3.830m, che raggiungiamo per le 10:50, dove facciamo una breve sosta.

Per le 11:45 siamo infine in vetta, preceduti dai nostri tre scialpinisti che incrociamo qualche metro sotto la vetta già in discesa. Vedendoci spuntare con le ciaspole un gruppetto di scialpinistici ci fa i complimenti 😉

Il panorama sulla vicinissima e impressionante Parete Est del Monte Rosa è notevole, sovrastata da imponenti cime oltre i 4.000m: da sinistra Piramide Vincent, Corno Nero, Ludwigshöhe, Punta Parrot, Punta Gnifetti.

Da est a ovest il panorama è immenso, spaziando dal Massiccio del Bernina alla pianura padana proseguendo con il Gruppo del Monviso, il Massiccio del Gran Paradiso e il Massiccio del Monte Bianco.

Il tempo sta progressivamente peggiorando, per cui verso le 12:00 ci rimettiamo in marcia per la discesa, percorrendo con qualche “accorciamento” il percorso di salita.

Finalmente, verso le 14:30 siamo a Punta Indren: nonostante i buoni propositi, non abbiamo più voglia di scendere ulteriormente a piedi, per cui prendiamo gli impianti che ci portano al Passo dei Salati e successivamente a Staffal di Gressoney, dovi il resto del gruppo ci sta aspettando da un po’.

Carichiamo armi e bagagli, ci fermiamo in un bar per mangiare (e soprattutto bere) qualcosa, e partiamo alla volta di Brescia, che raggiungiamo verso le 20.

Viaggio: Staffal di Gressoney (AO) – Brescia (BS)
Itinerario: Frachey, [SR45] Verres, [A5] Bivio A26/A5, [A26] Bivio A21/A26, [A21] Brescia
Mappa: Google Maps
Tipologia: Automobile su autostrada e strada statale (32€ carburante, 26€ pedaggio)
Sviluppo: 265 km Tempo mov.: 3:30 h
Orario inizio: 02/05/2015; 16:30 Orario fine: 02/05/2015; 20:00

Le condizioni nelle quali si è svolta l’escursione sono state certamente molto favorevoli, in termini di bel tempo, copertura del ghiacciaio, nessuna difficoltà particolare, ad ogni modo siamo riusciti ad arrivare fino in vetta con le ciaspole: un bel “bravi” possiamo anche riconoscercelo!

Sintesi dell’escursione:

Escursione: Punta Giordani (4.046m)
Class. SOIUSA: Massiccio del Monte Rosa, Gruppo del Monte Rosa
Itinerario: Punta Indren (3.275m), [tracce] Punta Giordani (4.046m), [tracce] Punta Indren (3.275m)
Traccia GPS:
Tipologia: Tracce su neve e ghiaccio
Difficoltà: BSA/OCA
Attrezzatura: Sci/ciaspole, arva-pala-sonda, piccozza, ramponi, imbrago, corda
Loc. partenza: Punta Indren (AO) loc. arrivo: Punta Indren (AO)
Alt. partenza: 3.275 m Alt. arrivo: 3.275 m
Alt. minima: 3.270 m Alt. massima: 4.046 m
Disl. salita: 781 m Disl. discesa: 781 m
Sviluppo: 5,0 km Tempo movim.: n.d.
Orario inizio: 02/05/2015, 8:48 Orario fine: 02/05/2015, 14:37
Tempo salita: n.d. Tempo discesa: n.d.
Vel. salita: n.d. Vel. discesa: n.d.
Vista sintetica Punta Giordani [pdf]
Fotografie:
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...